Scrivere o essere?

Le nostre biografie professionali molto spesso sono un resoconto ordinato di titoli di qualificazione, esperienze lavorative e tutto ciò che possa attestare le nostre abilità, a volte conseguite con merito ed impegno.

Ciò che molto spesso passa in secondo piano e che non fa testo né punteggio, è il racconto profondo di chi siamo realmente; quali sono gli ideali che orientano la nostra vita, quali sogni intendiamo realizzare e quali obiettivi vogliamo raggiungere.

Per fare questo non è sufficiente aprire i cassetti della nostra scrivania e riportare tutto, magari in un modulo precompilato, occorre invece mettersi di fronte ad un foglio bianco e aprire i cassetti della nostra intimità e far emergere la nostra essenza più autentica.

Siamo anzitutto storie ricche di tanti significati e orientate ad un continuo miglioramento che supera la forma di carte strappate. Essere è dunque realizzare la nostra più grande vocazione: Essere vivi essendo in vita.

Impariamo a difendere questo grande tesoro e lavoriamo in profondità per definire il nostro valore. Non esistiamo per essere tritati; siamo al mondo per amare ed essere amati.

Scrivere un curriculum

Che cosa è necessario?
È necessario scrivere una domanda,
e alla domanda allegare il curriculum.

A prescindere da quanto si è vissuto
è bene che il curriculum sia breve.

È d’obbligo concisione e selezione dei fatti.
Cambiare paesaggi in indirizzi
e malcerti ricordi in date fisse.

Di tutti gli amori basta quello coniugale,
e dei bambini solo quelli nati.

Conta di più chi ti conosce di chi conosci tu.
I viaggi solo se all’estero.
L’appartenenza a un che, ma senza perché.
Onorificenze senza motivazione.

Scrivi come se non parlassi mai con te stesso
e ti evitassi.

Sorvola su cani, gatti e uccelli,
cianfrusaglie del passato, amici e sogni.

Meglio il prezzo che il valore
e il titolo che il contenuto.
Meglio il numero di scarpa, che non dove va
colui per cui ti scambiano.

Aggiungi una foto con l’orecchio in vista.
È la sua forma che conta, non ciò che sente.

Cosa si sente?
Il fragore delle macchine che tritano la carta.

(Wislawa Szymborska)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...